Detrazioni fiscali arredamento

detrazioni-fiscali-arredamento

Detrazioni fiscali arredamento

Bonus Mobili e arredi 2018: come è possibile avvalersi delle detrazioni fiscali per l’acquisto dell’arredamento di una casa?

Anche per l’anno 2018 con la nuova Legge di Bilancio, la possibilità di avvalersi del Bonus Mobili per il loro acquisto, è stato prolungato fino al 31 dicembre 2018. Giovare di questa agevolazione è possibile soltanto per coloro che hanno in atto un intervento di ristrutturazione edilizia, iniziato non prima del 1° gennaio 2017 ed in corso nell’anno corrente.

Per sfruttare la detrazione IRPEF è però indispensabile che la data di inizio ristrutturazione siano precedente rispetto a quella in cui gli arredi sono stati acquistati.

Detrazioni fiscali arredamento: importi e come avvalersi

Come già anticipato, per usufruire del Bonus Mobili 2018, è indispensabile che sia in atto un intervento di ristrutturazione, sia su singolo appartamento che su interi fabbricati e palazzi, parti comuni di edifici residenziali ed abitazioni singole.

In questo ambito rientrano:

  • Manutenzioni straordinarie quali installazione di ascensori, realizzazione di servizi igienici, sostituzioni infissi, rifacimento scale e costruzione di recinzioni
  • Manutenzioni ordinarie ovvero imbiancature, sostituzione di pavimenti ed infissi, sostituzione tegole e rinnovi impermeabilizzazioni
  • Ristrutturazioni edilizie tra cui rifacimento della facciata, realizzazione mansarda e balconi, apertura nuove porte o finestre
  • Restauri e risanamenti conservativi quali ad esempio l’adeguamento di altezze dei solai ed il ripristino dell’aspetto storico-architettonico di un edificio.

Nel caso in cui si stia effettuando anche solo una delle lavorazioni sopraelencate, sarà quindi possibile avvalersi della detrazione IRPEF prevista per l’acquisto di arredamenti in misura del 50% per un importo massimo di 10.000 euro per spese sostenute sia per l’acquisto di mobili che di elettrodomestici. L’importo detraibile verrà poi rimborsato in dieci rate di medesimo importo e suddivise in 10 anni.

Per usufruire della detrazione i pagamenti di mobili ed elettrodomestici dovranno essere fatti con bonifico o carta di debito o credito, non è invece consentito impiegare contanti e assegni. È inoltre possibile avvalersi della detrazione fiscale per arredamento anche in caso di acquisto con pagamento rateale.

È inoltre indispensabile ai fini dell’agevolazione IRPEF conservare tutti i documenti e le ricevute relative al pagamento e le fatture d’acquisto dei beni.

Quali acquisti rientrano nelle detrazioni fiscali per arredamento?

I beni per i quali è possibile avvalersi delle detrazioni per arredamento sono tutti i mobili e gli elettrodomestici ed apparecchiature di classe non inferiore alla A+, ad esclusione dei forni che devono essere almeno di classe A.

I beni acquistati devono essere destinati all’arredo dell’immobile sottoposto a ristrutturazione.

Per ogni informazione è comunque bene informarsi con il nostro personale che saprà fornire tutte le informazioni necessarie per avvalersi delle agevolazioni e detrazioni fiscale previste per l’acquisto di mobili ed arredamenti.